LINKS
Modern Italy
Journal of Modern Italian Studies
RIVISTA DI STUDI ITALIANI
Anno XXI , n° 1, Giugno 2003 ( Contributi ) pag. 76-85

IL CONTRIBUTO DI BENEDETTO CROCE NELLA FORMAZIONE
DEGLI STUDI ESTETICI IN BRASILE DURANTE IL NOVECENTO
HUMBERTO APARECIDO DE OLIVEIRA GUIDO
Università Federale di Uberlândia,
Stato di Minas Gerais (Brasile)
L'attività filosofica in Brasile divenne realtà effettiva a cominciare dal terzo decennio del Novecento. In poche parole, la filosofia nel
Settecento fu praticata dai gesuiti nei loro collegi, con l'unica finalità di formare rappresentanti per l'attività pastorale nel Brasile coloniale. L'Ottocento fu caratterizzato dalle aspettative di modernizzazione della società brasiliana con l'introduzione della dottrina positivista. Soltanto con la creazione della prima università, quella di São Paulo, nella città dello stesso nome, alla fine del terzo decennio dell'Ottocento, e con il processo di urbanizzazione iniziato nella medesima epoca, cominciò la fase di
emancipazione della cultura brasiliana. Questo periodo coincide con le visite delle missioni culturali francesi per lo sviluppo dell'università brasiliana. Tuttavia, l'influenza francese non fu l'unica. Nel campo filosofico, il contributo francese ebbe un carattere metodologico e stimolò il lavoro applicato alla storia della filosofia. Nell'ambito degli studi estetici e letterari è notevole l'adesione degli studi brasiliani alla cultura italiana, una cultura che, grazie al fenomeno immigratorio, penetrò nella vita brasiliana per distinguersi come uno dei marchi caratteristici della formazione culturale del Brasile contemporaneo.
Leggi l'articolo (free!) Scarica il File PDF!