LINKS
Modern Italy
Journal of Modern Italian Studies
RIVISTA DI STUDI ITALIANI
Anno XXI , n° 1, Giugno 2003 ( Contributi ) pag. 175-199

LA REALTÀ, I LIBRI, IL METODO EPISTEMOLOGICO,
L'INTELLETTO ED UMBERTO ECO
ANTONELLA D'AQUINO
Vanderbilt University,
Nashville, Tennessee
I libri rappresentano il mezzo privilegiato di interpretazione, dato che come ebbe modo di scrivere Calvino nella prefazione al Sentiero dei nidi di ragno: "Le letture e l'esperienza di vita non sono due universi ma uno. Ogni esperienza di vita per essere interpretata chiama certe letture e si fonde con esse" 1. Infatti, l'uomo ha da sempre cercato di supplire al proprio senso di smarrimento, in un universo sconosciuto e spesso ostile, attraverso il racconto che dona ordine e senso alla vita. Il libro, sia esso in prosa o poesia, è una mappa che l'uomo usa come strumento d'orientamento che, stando alle argute osservazioni di Eco, dona un senso all'immensità delle cose che sono accadute, accadono e accadranno nel mondo reale. "Questa è la funzione terapeutica della narrativa", commenta Eco, "è la ragione per cui gli uomini, dagli inizi dell'umanità, raccontano storie. Che è poi la funzione dei miti: dar forma al disordine dell'esperienza"2.
Registrati e acquista crediti per leggere l'articolo Scarica il File PDF!
   
Oppure acquistalo subito con PayPal